Italy Energy Newsletter - Issue 19, 2017

Energy series - Italy

Energy Alert

Novità Normative e Giurisprudenziali - in vigore

Impianti FER e Moduli Fotovoltaici - Legge di conversione del D.L. 50/2017 (Manovra fiscale)

In data 23 giugno 2017, è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 21 giugno 2017, n. 96, di conversione del D.l. n. 50/2017. Entra dunque in vigore la cosiddetta "Manovrina". Come si è anticipato nella newsletter precedente, il testo contiene importanti novità per il settore energetico tra cui si segnalano:

  • Disposizioni in favore di impianti alimentati a bioliquidi sostenibili in esercizio entro il 31 dicembre 2012
  • Disposizioni in favore di impianti a biomassa, biogas e bioliquidi sostenibili che hanno cessato al 1° gennaio 2016 o che cesseranno entro il 31 dicembre 2016 di beneficiare degli incentivi sull’energia prodotta. In particolare, è disposta la proroga sino al 31 dicembre 2017 del termine per usufruire dell'ulteriore incentivo sull’energia prodotta (previsto ai sensi dell'art. 1, commi 149 e ss. della L. 28 dicembre 2015, n. 208)
  • Disposizioni in favore di impianti fotovoltaici con moduli non certificati. In caso di moduli non certificati o non rispondenti alla normativa di riferimento e per i quali il soggetto beneficiario della tariffa incentivante abbia intrapreso azioni contro i responsabili della non conformità dei moduli, si applica, su istanza del soggetto beneficiario, una decurtazione del 20% della tariffa incentivante base per l’energia prodotta sin dalla data di decorrenza della convenzione con il GSE. Tale decurtazione è dimezzata qualora la mancanza di certificazione o la mancata rispondenza della certificazione alla normativa di riferimento sia dichiarata dal soggetto beneficiario, al di fuori di un procedimento di verifica o controllo
  • Disposizioni in favore di impianti eolici iscritti al Registro GSE 2012. Tutti gli impianti eolici già iscritti in posizione utile nel registro EOLN-RG2012, a cui è stato negato l’accesso agli incentivi a causa della errata indicazione della data del titolo autorizzativo, sono riammessi agli incentivi previsti dalla normativa per tale registro, a condizione che l’errata indicazione della data del titolo autorizzativo non abbia effettivamente portato all’impianto un vantaggio in relazione alla sua posizione in graduatoria

Renewable Power Plants and Photovoltaic Modules - Law of conversion of the Law Decree 50/2017 ("Tax Maneuver") - On 23 June 2017 the Law of conversion of the Law Decree 50/2017 has entered into force. As already anticipated in the past newsletter, the text contains important news for the energy sector, concerning, in particular: i) New incentive option for power plants powered by sustainable bioliquids; ii) Extension of incentives recognizable to plants powered by biomass that ceased on 1 January 2016 or which will cease by December 31, 2016 to benefit from incentives for energy produced; iii) amnesty for Photovoltaic Plant for which verification or investigation has been established the use of unauthorized modules; iv) Provisions in favor of wind power plants registered at the GSE register EOLN-RG2012.

GSE- Manutenzione e ammodernamento tecnologico degli impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia, disponibile l’applicativo SIAD

Con la news del 26 giugno 2017 il GSE ha comunicato che è on-line l’Applicativo SIAD (Sistema Informativo per l’Acquisizione Dati) per consentire ai Soggetti Responsabili di impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia l’invio semplificato delle comunicazioni relative a interventi di manutenzione e ammodernamento tecnologico e delle richieste di valutazione preliminare ai sensi delle Procedure per la gestione degli interventi di manutenzione e ammodernamento degli impianto pubblicate dal GSE a febbraio 2017.

Il GSE ha precisato che eventuali comunicazioni relative agli interventi di manutenzione già inviate via PEC o tramite raccomandata, non dovranno essere nuovamente trasmesse.

GSE - Maintenance and modernization of photovoltaic plants under Conto Energia system, available SIAD application With news dated 26 June 2017, the GSE announced that the SIAD (Information Acquisition Data System) application is online to allow operator responsible for photovoltaic plants to send simplified communications for maintenance and technological upgrading and preliminary assessment requests according to the Procedures for managing maintenance and modernization of plants published by GSE on February 2017. The GSE has clarified that any communications concerning maintenance work already sent via PEC or by registered letter should not be filed again.

Regione Liguria – Attestazione Energetica - Modifiche alla legge regionale 29 maggio 2007, n. 22 (Norme in materia di energia)

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale (GU 3a Serie Speciale - Regioni n. 25 del 24 giugno 2017) la L.R. 7 dicembre 2016, n. 32, recante modifiche alla legge regionale 29 maggio 2007, n. 22 (Norme in materia di energia) e al relativo regolamento di attuazione. Con tale fonte normativa, la Regione Liguria ha in particolare specificato la disciplina delle sanzioni amministrative in materia di attestazione energetica e ha indicato le banche dati operanti in materia di energia, ossia:

  • Il catasto degli impianti termici della Regione Liguria (CAITEL), contenente le schede identificative, la documentazione tecnica, i rapporti di efficienza energetica e di ispezione degli impianti termici di climatizzazione invernale ed estiva, trasmessi in via informatica alla Regione Liguria
  • Il sistema informativo degli attestati di prestazione energetica della Regione Liguria (SIAPEL), quale banca dati contenente gli attestati di prestazione energetica riguardanti gli edifici e le singole unità immobiliari, trasmessi in via informatica alla Regione Liguria dai tecnici abilitati

Liguria Region – Energetic Statements for Buildings - Regional Law of Liguria No. 32 of 7 December 2016 - On 24 June 2017 the Regional Law of Liguria No. 32 of 7 December 2016 has entered into force. The text contains several amendments to Regional Law of Liguria No. 22 of 29 May 2007 and to the related implementing regulation, concerning, in particular, the regulation of the administrative sanctions and the active databases on energy.

In Cantiere

Impianti ex Certificati Verdi - Tempistiche di pagamento degli incentivi di cui all’articolo 19 del DM 6 luglio 2012 – Raccolta Osservazioni

Il GSE sta valutando nuove modalità di erogazione degli incentivi volte ad accelerare le tempistiche di pagamento della tariffa incentivante sostitutiva dei Certificati Verdi. Tale processo di valutazione, avviato su specifico indirizzo del Ministro dello Sviluppo Economico e alla luce dell’ordine del giorno G/2085/38/10 del Senato della Repubblica, prevede un confronto diretto con l’Autorità al fine di analizzare gli impatti sul fabbisogno finanziario del conto A3 derivanti dai possibili scenari di adeguamento delle tempistiche di pagamento.

FER Plants ex Green Certificates - New terms of Payment of the Incentives. The GSE intends to modify the terms of payment of the incentives for FER Plants ex Green Certificates in order to comply with the needs of the producers.

Giurisprudenza

Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) - Progetti che producono impatti ambientali rilevanti su regioni confinanti - Partecipazione necessaria delle autorità competente delle regioni confinanti alla Conferenza di servizi

Con sentenza n. 3019 del 6 giugno 2017, la Settima sezione del TAR Campania, sede di Napoli, ha statuito che, ai sensi dell’art. 30 comma 2, D.Lgs. 152/06, nel caso di progetti sottoposti a valutazione di impatto ambientale di competenza regionale che possano avere impatti ambientali rilevanti su regioni confinanti, l'autorità procedente è tenuta a darne informazione e ad acquisire i pareri delle autorità competenti di tali regioni, nonché degli enti locali territoriali interessati. In assenza di tale invito, la mancata partecipazione alla Conferenza di servizi delle autorità competenti delle regioni confinanti non è sanabile dal semplice invio della documentazione progettuale da parte del soggetto privato interessato, essendo venuto comunque meno l’esame contestuale dei vari interessi pubblici coinvolti, con conseguente illegittimità dell’azione amministrativa.

Environmental Impact Assessment (EIA) - Projects bringing environmental impacts on neighboring regions - Necessary participation to the "Conferenza di servizi" (meeting) of the neighboring regions competent authorities - With decision No. 3019/2017 of 6 June 2017, the Regional Administrative Court of Naples has ruled the necessary participation to the "Conferenza di servizi" (meeting) of the neighboring regions competent authorities, every time the projects to be discussed produce environmental impacts on neighboring regions. In this case, prosecuting authorities have to invite the neighboring regions competent authorities to the meeting, to ensure the simultaneous assessment of the interests involved. In the absence of such invite, the non-participation of the neighboring regions competent authorities to the meeting produces the unlawfulness of the administrative action.

Certificazioni dei moduli fotovoltaici ai sensi dell'art. 11, comma 6, lett. b, del D.M. 5 maggio 2011 e del paragrafo n. 4.6.2, lett. b, delle “Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti previste dal DM 5 maggio 2011 – Revisione 3” - Mancata comprova della conformità dei moduli fotovoltaici alle norme OHSAS 18001 - Legittimità dell'annullamento d'ufficio dell'atto di ammissione ai benefici incentivanti

Con sentenza n. 7411 del 26 giugno 2017, il TAR Lazio ha stabilito che per gli impianti entrati in esercizio dopo il 30 giugno 2012, il soggetto responsabile, ai fini dell’accesso ai meccanismi incentivanti, è tenuto a trasmettere al GSE un certificato rilasciato dal produttore dei moduli fotovoltaici, attestante che l’azienda produttrice dei moduli stessi possiede le certificazioni ISO 9001, OHSAS 18001 ed ISO 14000. La mancata prova dell’effettiva conformità dei moduli alle norme OHSAS 18001 è tale da inficiare, in radice, la legittimità del riconoscimento dei benefici, con l'effetto che il GSE può legittimamente procedere all'annullamento d'ufficio dell'atto di ammissione ai benefici incentivanti.

Certifications of photovoltaic modules pursuant to art. 11, paragraph 6, lett. b) of the ministerial decree of 5 May 2011 and to paragraph no. 4.6.2, lett. b) of the “Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti previste dal DM 5 maggio 2011 – Revisione 3” - No proof of the modules conformity to OHSAS 18001 rules - Annulment of the incentive admission act - With decision No. 7411/2017 of 26 June 2017, the Regional Administrative Court of Rome has established the lawfulness of the annulment of the incentive admission act, every time the responsible parties has not communicated to the GSE the conformity of the photovoltaic modules to OHSAS 18001 rules.

Impianti fotovoltaici incentivati ai sensi del Primo Conto Energia- Aggiornamento ISTAT e legittimità della restituzione delle somme al GSE

Con sentenza n. 7293/2017 del 28 aprile 2017 il TAR Lazio, respingendo il ricorso di un operatore titolare di un impianto fotovoltaico incentivato ai sensi del I Conto Energia, non ha annullato il provvedimento con cui il GSE ha disposto il recupero delle maggiori somme erogate dallo stesso GSE a titolo di rivalutazione ISTAT, richiamando le sentenze 24 gennaio 2017, nn. 1242 e 1261 che rinviano alla sentenza dell’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 9/2012, che riconoscono portata innovativa alle disposizioni del d.m. 6.2.2006 recanti esclusione dell’aggiornamento Istat per le tariffe attribuite agli interessati sulla base di domande presentate negli anni 2005 e 2006 e la legittimità delle restituzioni di tali somme.

Inoltre, il TAR ha chiarito da tali operazioni di recupero esulano profili di discrezionalità del GSE, chiamato unicamente ad applicare la disciplina di riferimento alla luce del menzionato indirizzo dell’Adunanza Plenaria. E' stata infine confermata la possibilità di operare la compensazione da parte del GSE perché i diritti (del GSE e dell'operatore) scaturiscono dal medesimo rapporto contrattuale da cui è sorto il relativo debito.

Photovoltaic Plants under First Energy Account -ISTAT adjustment and lawfulness of the recovery carried out by the GSE- Regional Administrative Court of Lazio By means of the judgment No. 7293/2017 of 28 April 2017, the Regional Administrative Court of Lazio rejected the claim filed by an operator holding a photovoltaic plant under the First Energy Account. For the Judges, the act of the GSE ordering the recovery of the major sums paid by the same GSE as ISTAT revaluation is correct. It has been confirmed that it is also correct for the GSE to obtain the payment of this sum by way of set off.

Impianti fotovoltaici- Onere del soggetto responsabile di caricare la documentazione attestante il completamento dei lavori dell'impianto fotovoltaico

Con la sentenza No. 7295/2017 del 22 giugno 2017 il TAR Lazio ha ribadito che la mancanza del preavviso di rigetto non è motivo di annullamento del provvedimento stante l’art. 21-octies, co. 2, l. n. 241/90, che ammette la correttezza sostanziale e la natura vincolata del provvedimento di rigetto, soprattutto nelle ipotesi di rigetto parziale. Nel caso in esame, il GSE ha riconosciuto la tariffa incentivante di impianti "parzialmente integrati architettonicamente" anziché quella richiesta per impianti realizzati con moduli “totalmente integrati" in quanto il soggetto responsabile ha caricato nel portale del GSE fotografie risalenti a epoca antecedente alla conclusione dei lavori.

Il caricamento della documentazione attestante il completamento dei lavori costituisce uno specifico onere procedurale posto a carico del soggetto responsabile, il cui mancato assolvimento determina, ex se, la decadenza dalla tariffa incentivante e non può essere opposto al GSE. E' onere dell’interessato fornire tutti gli elementi idonei a dar prova della sussistenza delle condizioni per l’ammissione ai benefici, ricadendo sullo stesso eventuali carenze che incidano sul perfezionamento della fattispecie agevolativa e dovendosi, in tale ottica, escludere la possibilità di integrare dopo la scadenza del termine l’iniziale documentazione fotografica.

Photovoltaic Plants- Charges of the operator to upload the documents proving the completion of the works on 31 December 2010 By Decision No. 07295/2017 of 22 June 2017 the TAR Lazio reiterated the decision that the lack of a notice of rejection is not a ground for the annulment of the act as a result of such foreclosure deriving from Art. 21-octies, co. 2, l. n. 241/90 with reference to the procedural nature of the deduced vice and the substantive correctness and the tied nature of the rejection measure, especially in the case of partial rejection. In this case, the GSE recognized the incentive tariff for "partially architecturally integrated" installation rather than the one required for installations with "totally integrated" modules as the responsible subject uploaded in the GSE portal pictures concerning the pv plants before the conclusion of the works. In this regard, the filing of the documents proving the completion of the works is a specific procedural charge on the part of the operator, whose failure to perform determines, if it is, the forfeiture from the incentive tariff and cannot be opposed to the GSE. It is charge of the operator to provide all the evidences needed to demonstrate the existence of the conditions for admission to benefits, and failing these fulfilments implies on the obtainment of the incentive tariff excluding the possibility of file further documentation after the expiry of the term.

Costi del servizio sostitutivo di trasporto di gas naturale a mezzo carri bombolai - Ricorso proposto dallo shipper avverso la decisione dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico sul reclamo proposto da una società di vendita del gas naturale nei confronti del gestore del servizio di trasporto - Efficacia della decisione nei confronti del destinatario del reclamo

Con sentenza n. 1372/2017 del 20 giugno 2017 il TAR Lombardia ha accolto il ricorso proposto da Eni S.p.A., in qualità di utente della rete di trasporto del gas, avverso la deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico 109/2016/E/gas, con la quale è stato accolto il reclamo proposto dall'impresa di vendita del gas naturale Cosvim Energia S.r.l., nei confronti del gestore del servizio di trasporto nazionale Snam Rete Gas S.p.A., avente ad oggetto l’imputazione dei costi del servizio sostitutivo di alimentazione delle reti di distribuzione per i punti di riconsegna di Oriolo, San Giorgio Lucano e Nocara, nel periodo tra il 18 novembre e il 23 dicembre 2013, a seguito di sospensione temporanea del servizio di trasporto per emergenza di servizio sulla rete dei metanodotti dovuta ad alluvione.

Con l'impugnata deliberazione, l'Autorità aveva accertato che, ai sensi del capitolo 14, paragrafo 3.4 del Codice di Rete Snam, i costi del servizio sostitutivo dovessero essere sostenuti da Eni, in qualità di utente della rete, prescrivendo a quest'ultima di corrispondere i costi sostenuti da Cosvim Energia durante il periodo di interruzione del servizio, per Euro 374.880,65 oltre IVA.

Il TAR Lombardia ha ritenuto fondato il ricorso proposto da Eni avverso la predetta deliberazione, sia in quanto la ricorrente non era destinataria del reclamo, sia in quanto Eni è un soggetto rispetto al quale l'Autorità è sfornita del potere giustiziale conferitole dalla legge, trattandosi di un grossista operante sul mercato della vendita del gas, e non di un gestore di un sistema di trasporto o di distribuzione. Il TAR ha affermato che il carattere della procedura giustiziale del reclamo, quale rimedio alternativo rispetto alla tutela giurisdizionale, destinato a sfociare nell'adozione di determinazioni vincolanti per le parti, comporta la necessità di assicurare nel relativo procedimento, il rigoroso rispetto del diritto alla difesa e del contradditorio. L'osservanza di tali principi, ai quali sono informate le regole procedurali del reclamo, postula che ciascuna parte nell'ambito della procedura giustiziale, possa esplicare ponderatamente le proprie scelte difensive, e che l’Autorità non possa assumere, in esito al reclamo, determinazioni dirette nei confronti di un soggetto diverso dal destinatario del reclamo stesso.

Costs of the alternative service of gas supply and associated charges, due to technical and/or safety related impediments on the national gas network. By way of Decision No. 1372/2017 of 20 June 2017 the Regional Administrative Court of Lombardia upheld the claim served by Eni S.p.A., as shipper, against the decision of the Energy Authority regarding an alternative dispute resolution filed by Cosvim Energia S.r.l., as gas supplier, against the Italian TSO Snam Rete Gas S.p.A., which stated that the charges related to the alternative service of gas supply to the redelivery point of Oriolo, San Giorgio Lucano e Nocara, from 18 November 2013 and 23 December 2013, due to technical impediments, had to be borne by the shipper. The regional administrative court stated that the effects of the decision of the alternative dispute resolution may not affect Eni S.p.A. because such company was not the addressee of the alternative dispute and because the Energy Authority has not the power to enact decisions against shippers.